NEWS

17 Gennaio

PLF SU LOGISTICA EFFICIENTE

Il settore manifatturiero in Italia e il ruolo dell’Outsourcing

Le aziende appartenenti a tutti i settori si trovano ad affrontare, in questo contesto di mercato, una serie di criticità: l’aumento dell’inflazione, il conflitto Russia/Ucraina, la crisi energetica, la potenziale recessione globale e la persistenza di rischi legati alla pandemia. 

Criticità che portano gli analisti di mercato a prevedere scenari poco ottimistici sulle dinamiche di business in diversi settori. A conferma di questo, il “Il Rapporto Analisi dei Settori Industriali”, realizzato da Intesa Sanpaolo insieme a Prometeia, evidenzia come il settore manifatturiero attraverserà un anno in lieve calo rispetto al 2022 e un possibile rimbalzo nel 2024.

E’ evidente che le imprese manifatturiere devono puntare a superare eventuali criticità e portare avanti investimenti, facendo leva sul miglioramento della redditività registrato e un buon livello di patrimonializzazione raggiunto negli ultimi anni. 

Questo vuol dire che strategie di razionalizzazione, di ottimizzazione su tutta la catena del valore nell’ottica di recuperare efficienza, saranno affiancate da strategie orientate a migliorare la presenza sul mercato agendo sull’offerta – nuovi prodotti, più qualità, più innovazione -, sulla distribuzione, ampliando i mercati di riferimento, innovando i canali a valle e puntando ad una maggiore tempestività di risposta al mercato, sulla gestione del cliente finale con politiche di customer service guidate da una maggiore personalizzazione e digitalizzazione. Senza trascurare tematiche ESG trasversali a tutti i processi aziendali.

Nei piani strategici delle imprese manifatturiere, riteniamo che una “giusta collocazione” possano avere strategie di esternalizzazione.

L’Outsourcing può essere la risposta adeguata perché può rendere l’azienda più competitiva garantendo risultati concreti e soddisfacenti. 

Il ruolo dell’Outsourcing 

Perchè l’Outsourcing può aiutare le aziende manifatturiere in questa fase? E in quali processi?

Oltre che per ambiti più trasversali, affidarsi a società esterne che prendano in carico attività nell’ambito della Produzione e della Gestione del Magazzino può rappresentare una soluzione e un’opportunità, più direttamente, per i responsabili di queste aree, e più in generale per le aziende per: 

  • far fronte a difficoltà nel trovare risorse specializzate
  • questioni di natura economico-finanziaria, in particolare un maggior equilibrio tra costi fissi e costi variabili
  • liberarsi di problematiche strettamente operative e di gestione delle persone e concentrarsi sull’evoluzione del business, sulla ricerca di nuove opportunità
  • acquisire quella flessibilità che consente di gestire meglio cali e crescite, anche repentine, della domanda
  • velocizzare i tempi di risposta al mercato
  • implementare nuovi modelli di gestione, che l’outsourcer ha avuto modo di sperimentare su altri clienti e quindi consolidati
  • un confronto continuo e soprattutto costruttivo con chi lavora su più realtà anche nello stesso settore e per questo porta una visione più ampia di problematiche, risposte e opportunità
  • condividere il rischio

Gli ambiti produttivi e logistici in cui una società di outsourcing può subentrare sono diversi e diventano tanto più specialistici quanto più la domanda e le aziende spingono sulla personalizzazione dell’offerta. 

L’outsourcer può prendere in carico tutte le attività – assemblaggio ed etichettatura, confezionamento e imballaggio, bollinatura, labelling e attività complementari, cernita e controllo qualità – che rientrano nell’area Packaging & Labelling o quelle che ricadono nel Warehouse Management – gestione dei flussi di merci, controllo merci in ingresso, preparazione spedizioni, inventario, attività di pianificazione e monitoraggio del magazzino. 

Tutte attività che devono essere gestite da persone con esperienza e adeguato know-how se si vogliono mantenere livelli di qualità elevata, ottimizzare i tempi e recuperare efficienza, anche attraverso una riduzione di scarti e sprechi. 

Oltre alle persone, tuttavia, occorre una metodologia efficace e consolidata, in grado di garantire risultati concreti. Perchè un outsourcer davvero possa arrivare a gestire un processo, avendo come obiettivo quello di migliorarlo, è necessario seguire vari step: 

  • partire da un’analisi iniziale dei processi che si intende prendere in carico. Questo vuol dire analizzare asset, mappare tutte le attività, sistemi e competenze con cui vengono gestite, individuare criticità e gap 
  • definire tutti i presupposti operativi ed elaborare un piano di intervento, di passaggio delle attività all’outsourcer 
  • mettere a punto un modello operativo e le risorse coinvolte 
  • nella fase di delivery, erogare il servizio richiesto, articolato nelle attività e secondo le modalità concordate con il cliente
  • prevedere dei momenti di allineamento e pianificazione delle attività con il cliente sia per monitorare i livelli di servizio concordati, sia per condividere interventi, anche sul modello di gestione, qualora dovessero subentrare cambiamenti a livello di strategie del cliente o a livello di mercato. 

Un partner che segua una logica di risultato  

Operando da diversi anni in questo mercato, come PLF siamo convinti che l’Outsourcing ossa essere una valida alternativa, anche per le aziende manifatturiere, per superare le criticità attuali, cogliere nuove opportunità di mercato, raggiungere obiettivi soprattutto a lungo termine. Ed è proprio sul concetto di lungo termine che poniamo l’accento, perchè sposa bene la logica con cui operiamo: argomentare i benefici dell’outsourcing ragionando non sul costo del lavoro che chi esternalizza, generalmente, intende ridurre, ma sul costo di un servizio, erogato nella modalità dell’appalto endoaziendale, e remunerato in base al risultato finale. 

In definitiva, tre le parole chiave che sintetizzano l’approccio di PLF verso il mercato: servizio, lungo termine, risultato.  

 


Categoria del post

PLF è la società partner del Gruppo De Pasquale che offre soluzioni di flessibilità organizzativa volte a garantire risultati concreti, risparmi e maggior valore per i tuoi clienti.


Newsletter

Resta aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter e ricevi aggiornamenti sul mondo PLF.

PLF Società Cooperativa - VIA RIZZOLI, 4 - 20132 - PARTITA IVA 08803530966